Sanificare

La sanificazione più pura si ispira a processi naturali
Igienizzare gli ambienti
Come farlo correttamente

La sanificazione ambientale è un’operazione mirata ad eliminare qualsiasi batterio ed agente contaminante che a differenza delle pulizie o disinfezioni non è possibile rimuovere. La normale pulizia utilizza prodotti detergenti per eliminare la sporcizia visibile ed i cattivi odori, mentre la disinfezione ha l’obiettivo di rimuovere microrganismi, anche patogeni attraverso disinfettanti o altri sistemi.
Questi ultimi due processi sono fondamentali per rendere pulito e sano un ambiente ma a volte esistono delle situazioni che richiedono un’operazione successiva, sia per tutela alla salute che per legge in alcuni casi. Questa operazione è per l’appunto la sanificazione e sterilizzazione che agisce su ogni forma vitale vegetativa, spore e virus. Esistono degli standard igienici di riferimento che prevedono dei livelli massimi di carica microbiotica e virale. Altri importanti accorgimenti che rientrano nel tema della sanificazione sono un’adeguata ventilazione, temperatura, umidità e assenza di polveri.

virus-4030721_1920-450x350 Sanificare
PERCHÉ SANIFICARE?

La sanificazione ambientale è un processo che andrebbe eseguito in modo continuativo non solo per rientrare nei termini delle leggi vigenti ma anche come tutela alla salute. Se pensiamo a quanto tempo trascorrono le persone all’interno di locali chiusi, risulta immediata l’importanza di avere degli ambienti sanificati.

Questa accortezza si rivela utile a mantenere l’aria pulita e non contaminata, necessaria a combattere virus e batteri. A livello lavorativo questo concetto risulta molto utile, poiché un ambiente sano previene la diffusione di malattie, diminuendo i giorni di assenza dei lavoratori e riducendo quindi i costi aziendali.
Per garantire questo sono necessarie costanza e periodicità negli interventi di sanificazione, sia per rendere un ambiente più confortevole sia per garantire una maggiore qualità della vita.

Si provi ora a pensare ad un azienda manifatturiera, in particolare alla sezione produttiva che corrisponde solitamente ad una grande struttura con grossi macchinari che inquinano l’ambiente lavorativo con l’emissione di polveri e particelle fini. Una situazione simile senza la presenza di strumenti volti alla sanificazione, renderebbe l’ambiente non solo inadeguato al corretto svolgimento dell’attività lavorativa, ma anche un rischio alla salute dei i lavoratori.

L’importanza di avere dei locali sanificati è rivolta a qualsiasi ambiente dove vi sia la presenza di persone, in primis si pensi agli ospedali, alle strutture scolastiche, agli uffici, alle abitazioni e così via. In particolare, luoghi molto affollati necessitano di maggior riguardo poiché un solo ambiente non sanificato mette a rischio un grande numero di persone.
Si pensi poi a luoghi come piscine, saune, centri benessere, dove la presenza di umidità molto alta rende questi ambienti gli habitat perfetti per muffe e funghi.

DANNI ALLA SALUTE PROVOCATI DALL’ INQUINAMENTO

Come visto nel precedente paragrafo, la sanificazione degli ambienti è un processo che comporta numerosi vantaggi e soprattutto oggi è un tema di estrema rilevanza.
L’Organizzazione mondiale della sanità ha individuato l’inquinamento dell’aria come principale fattore di rischio ambientale per la salute della popolazione. L’OMS ha inoltre stimato che oltre 4 milioni di morti l’anno possono essere attribuiti all’inquinamento dell’aria e che il 50% della popolazione globale sarebbe esposto all’inquinamento.

Il 92% delle nostre giornate lo passiamo indoor con spazi condivisi da altre persone ed è proprio nei luoghi chiusi che l’inquinamento è 5 volte più elevato di quello esterno.
Ogni giorno ingeriamo 25 milioni di particelle ad ogni respiro, 360 milioni al minuto e l’inquinamento da particolato fine ha effetti sulla salute anche a concentrazioni molto basse.
Basta collegare questi dati per capire quanto sia pericoloso vivere in un ambiente non sanificato.

Tra le varie tipologie di agenti inquinanti possiamo trovare l’ozono, il biossido di azoto e l’anidride solforosa. L’eccesso di ozono nell’aria può avere un marcato effetto sulla salute umana. Può causare problemi respiratori come l’asma, ridurre la funzione polmonare e causare malattie polmonari.

Studi epidemiologici hanno dimostrato che i sintomi della bronchite, soprattutto negli individui soggetti ad asma, aumentano in associazione con l’esposizione a lungo termine al biossido di azoto NO2. Questo agente comporta inoltre anche la ridotta crescita della funzione polmonare.
L’anidride solforosa può influenzare il sistema respiratorio e le funzioni dei polmoni e causare irritazione agli occhi. L’infiammazione del tratto respiratorio provoca tosse, secrezione di muco, aggravamento dell’asma e bronchite cronica e rende le persone più inclini alle infezioni del tratto respiratorio.

SOLUZIONI INNOVATIVE

Dopo aver affrontato il tema riguardante il pericolo di vivere in ambienti non salubri, quali sono le migliori strategie per mettere in pratica la sanificazione ambientale?

Un intervento mirato di sanificazione tramite un azienda specializzata ha dei costi molto elevati che possono andare dai 1500€ ai 2000€ e più, in base alla grandezza dei locali. Questo tipo di operazione è consigliato a chi ha un bisogno urgente di ripristinare la salute all’interno di un locale contaminato, ad esempio da qualche agente inquinante. Sicuramente non è la soluzione migliore per chi vuole ottenere come obiettivo principale, una sanificazione costante e ad un costo mantenuto.

La soluzione ottimale la si può ottenere attraverso un sistema innovativo e tecnologicamente avanzato che permette la sanificazione ambientale 24/7. L’installazione di dispositivi certificati e testati permette infatti di garantire la salute di un ambiente senza nessun tipo di intervento esterno.

Retiax propone ai suoi clienti prodotti costruiti per una rapida e facile installazione, con bassi consumi e sempre in funzione, predisposti per essere immediatamente utilizzati.
Ecosan è una tecnologia innovativa sviluppata per purificare l’aria attraverso l’utilizzo della luce e dei nanomateriali. Un sistema rivoluzionario e di design per igienizzare ed eliminare i cattivi odori in modo naturale e sicuro. La gamma di dispositivi consente di utilizzare la FOTOCATALISI basata su una nuova forma di TiO2, arricchita di argento, che richiede un’energia di attivazione più bassa per produrre radicali liberi. Questo processo permette di sanificare gli ambienti da agenti patogeni come batteri, funghi, muffe ed agenti allergizzanti.

La gamma prodotti Ecosan nasce per offrire una soluzione intelligente ed efficace al problema dell’inquinamento e dell’insalubrità dell’aria negli ambienti chiusi. Progettati per un costante ricircolo di aria la quale, passando attraverso ad uno speciale vano, viene sanificata nel modo corretto. Nel momento in cui l’aria lascia il dispositivo, diventa un agente sanificante efficace che raggiunge aree in cui una disinfezione tradizionale non potrebbe raggiungere.

Tutti i dispositivi di sanificazione di Retiax sono dispositivi medici di classe 1 che non utilizzano agenti chimici e non inquinano l’ambiente. Sono inoltre inattivatori di virus che vengono utilizzati anche in ambienti medici, case di cura e laboratori di analisi e garantisce un livello costante di qualità dell’aria.

processo-di-fotocatalisi-h.-200 Sanificare
VANTAGGI RISPETTO AI METODI TRADIZIONALI

La tecnologia utilizzata da Retiax è innovativa e all’avanguardia rispetto agli altri metodi di sanificazione.
Il sistema UV è un ottimo sistema per la rimozione di batteri e virus; la sua funzionalità è indiscussa, ma va posta attenzione alle bande UV utilizzate. L’applicazione nei sistemi aperti è consentita solo in assenza di persone.
Il trattamento a ozono invece è particolarmente vantaggioso perché non lascia residui chimici sulle superfici, ma necessita di personale specializzato e durante l’applicazione non vi possono soggiornare persone all’interno delle stanze trattate.
Infine la nebulizzazione dei prodotti chimici è facile e sbrigativa, ma la sua durata è breve e richiede applicazioni continue.

La fotocatalisi risulta quindi essere la scelta ottimale per quanto riguarda il metodo di sanificazione, garantendo un protezione completa da cariche batteriche e virali, funghi e muffe.

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.